Lago di Bomba (Ch)

Descrizione

Lago di BombaIl lago di Bomba ha origini artificiali, nasce dallo sbarramento del fiume Sangro con un’imponente diga in terra battuta, realizzata per scopi idroelettrici fra gli anni 50 e 60, e comprende il territorio di diversi comuni, tra cui Bomba, Villa Santa Maria, Pietraferrazzana e Colledimezzo. Questo bacino ha forma decisamente allungata, estendendosi da sud, dove c’è l’immissario, il Sangro, che si immette nei pressi di Villa Santa Maria, verso nord, dove invece si trova in linea orizzontale l’imponente diga. Tutto il lago ha una lunghezza di 70 m, larghezza più o meno di 1,5 km e raggiunge una profondità massima di 55-60 km. Sicuramente più accessibile la sponda est, per via della strada che costeggia il lato del lago, mentre il lato ovest ha meno zone libere per la pesca. Il paesaggio che si gode tutto intorno è piacevole, senza troppe tracce dell’attività umana, che seppur presente, non è stata invasiva; l’ambiente è quello classico dell’entroterra abruzzese, con i monti della Majella in lontananza sullo sfondo, e tutto intorno un susseguirsi di basse e verdeggianti collinette, con zone di nuda roccia che interrompono gli spazi boschivi. Le acque del lago di Bomba sono limpide e di buona qualità, i fondali sono di argille, fanghi e rocce, le sponde scendono gradatamente e sono facilmente percorribili, spesso spoglie, rocciose e sassose, talvolta con erbai bassi e radi; ed anche se in alcuni tratti non mancano zone di arbusti intricati che si spingono fin sulle rive, comunque l’accessibilità non è mai un grosso problema. Il lago di Bomba oltre che un itinerario di pesca, è anche una meta frequentata da escursionisti e campeggiatori, sulle sue sponde ci sono diversi centri e villaggi turistici, come “Il Soffio”, “l’Isola Verde” ed il “Pietraspaccata”. Nel lago si possono praticare vari sport oltre alla pesca sportiva, come canottaggio, windsurf, nuoto e sci acquatico, ma anche trekking e free-climbing nelle colline intorno al lago, oppure si può fare un giro del lago con il caratteristico battello. Nelle vicinanze dello specchio d’acqua sorgono diversi piccoli borghi in grado di ospitare i visitatori del lago in alberghi e ostelli.

Permessi e licenze

È sufficiente la licenza di pesca tipo “B”.

Specie ittiche

Il lago di Bomba è ricco di pesce: sono presenti molte specie ittiche, soprattutto ciprinidi. Tra questi troviamo innanzitutto il carassio, che come spesso succede, anche qui sta diventando infestante, con una grande popolazione di coloratissimi esemplari da 20-30cm. Passiamo poi al cavedano, anch’esso diffuso omogeneamente in tutte le zone con esemplari rinomati per la loro notevole taglia, che spesso si aggirano sui 45cm. Ci sono inoltre le carpe, che lungo le zone costiere si aggirano per lo più sui 20-30cm, bene o male stesse dimensioni dei carassi, mentre se cerchiamo gli esemplari di taglia, scaltri e combattivi, dobbiamo tenere in considerazione che questi stazionano in zone più profonde. Ci sono inoltre tinche e anguille, ed inoltre alborelle che in estate si avventano con rapidità su esche e pasture. C’è inoltre una discreta popolazione di pesci gatto di medie dimensioni. Tra i predatori troviamo il persico reale, che raggiunge buone taglie, ed abbocca sia ad esche naturali che artificiali, mentre non si hanno notizie di lucci o black bass. Ci sono poi anche trote iridee e fario di buona taglia, che provengono dal fiume Sangro, ma che sono anche oggetto di immissione.mappa del lago di Bomba

carassiorating
cavedanorating
tincarating
pesce gattorating
anguillarating
carparating
trota fariorating
trota iridearating
lucciorating
black-bassrating

Tecniche di pesca

In questo itinerario, dove il pesce è presente in buon numero, si può puntare a fare belle pescate. Tutte le tecniche di pesca con galleggiante ed esca naturale permettono, con i giusti accorgimenti, di divertirsi e fare grossi bottini soprattutto di carassi e carpe, ma possono capitare anche anguille, persici e tinche, una volta entrati in pastura. Buoni risultati nei periodi da inizio aprile fino anche ad ottobre, con la pesca con la bolognese, con la canna fissa o la roubasienne per gli appassionati. Tuttavia è bene precisare che la tecnica sicuramente più praticata è senz’altro la pesca all’inglese, molto utile in questo lago, su cui spesso soffia un vento sostenuto e continuo. Nonostante il vento magari non influisca più di tanto sulle abitudini del pesce, può però rendere difficoltosa l’azione di pesca, creando piccole onde, alzando un po’ di fango dal fondo e deviando le traiettorie dei nostri lanci. Per questo motivo si è diffusa la pesca all’inglese, tecnica che permette di mantenere la lenza al di sotto del galleggiante, poco sotto il pelo dell’acqua, cosi da ridurre la pressione del vento sul filo e sul galleggiante stesso, per evitare spostamenti dell’esca dalle zone pasturate e sollevamenti del terminale dal fondo. La sponda dove si hanno migliori risultati è sicuramente quella est, dalla diga in giù, lungo la quale si trova un esteso campo di gara, il tratto detto “Terra Rossa” frequentato appunto dai garisti durante le competizioni di pesca nel fine settimana, e di libero accesso a chiunque nelle altre giornate. Sono consigliabili montature sottili, perché i carassi e le carpette che si avvicinano alla pastura non sono di dimensioni eccezionali, ed è importante piombare bene il terminale per far scendere subito l’esca sul fondo, evitando cosi la minutaglia che si aggira a livelli di media profondità. Tra le esche, sono efficacissimi i classici bigattini, da usare anche come pastura insieme agli sfarinati, poi lombrichi e mais, ma si possono anche fare inneschi misti; in estate invece è meglio il mais o il lombrico, esche più voluminose del bigattino che permettono di contrastare le abboccate delle alborelle che sminuzzano continuamente l’esca. Fate attenzione ai cavedani, che sono abbastanza sospettosi, e nonostante raggiungano questi grosse dimensioni, a volte costringono a usare lenze e terminali molto sottili che vengono poi messi a dura prova in fase di recupero. Se posizioniamo bene l’esca a poca distanza dal fondo, e pasturiamo bene con farine e larve, non occorre troppa fortuna per riempire la nassa con un buon assortimento di prede. Oltre alla pesca a galleggiante, qualunque sia, anche la pesca a ledgering con pasturatore e la semplice pesca a fondo, permettono di portare a riva soprattutto carassi, tinche e anguille e pesci gatto con il lombrico. È abbastanza diffuso anche il carpfishing, praticato dagli esperti carpisti alla ricerca di esemplari di grossa taglia. Per chi predilige lo spinning, in questo lago dobbiamo cercare soprattutto i persici reali, che raggiungono buone taglie e girano in piccoli branchi nei mesi estivi, ed è divertente pescarli con attrezzature leggere, ed esche dai minnow sui 5 cm, cucchiai e twister. Con i cucchiaini argentati ed i piccoli minnow sui 2-3 cm, si possono insidiare nei mesi caldi i cavedani, e le trote nei periodi invece freddi e di mezza stagione; trote che poi talvolta capitano anche con la bolognese.lago di bomba laterale

Ledgeringrating
Galleggianterating
Pesca all'Ingleserating
Spinningrating
Carp Fishingrating

I nostri consigli

Al lago di Bomba ci si può divertire facendo belle pescate, ma bisogna tener presente della caratteristica ventosa della zona, per cui meglio evitare giornate di tempo variabile ed instabile. È sempre necessario considerare che spesso la domenica ci possono essere gare di pesca che occupano una grossa zona del lago, mentre nei fine settimana estivi la presenza di campeggiatori e turisti può rendere il posto fin troppo rumoroso e movimentato, per cui se potete, organizzatevi nei giorni feriali, troverete inoltre molta disponibilità nelle strutture turistiche del lago.

Dove si trova

Lago di Bomba visto da sopraPer chi viene dal nord Abruzzo o dalla costa, da nord o sud, innanzitutto è necessario imboccare l’autostrada A 14 nel punto a voi più vicino, poi usciamo all’altezza di Val di Sangro ed immettiamoci sulla Statale 652, la fondovalle Sangro, che ci condurrà verso l’interno. Prendete l’uscita per Via Lago, poi dirigetevi a destra seguendo le indicazioni per il lago e l’agriturismo “Il Soffio”, vi ritroverete lungo la strada che costeggia la sponda est. Se volete raggiungere la sponda ovest, continuate la Statale superando una serie di comuni, oltrepassate Pietraferrazzana e lasciate la Statale alla prima uscita, dopo pochi chilometri sulla destra. Da qui scendete prima verso sud in direzione Contrada Poggio, poi dirigetevi verso nord, superate il comune di Santa Maria in Basilica e proseguite dritti per alcuni chilometri fino poi a trovare indicazioni del lago, e scegliete voi dove parcheggiare.

Per chi proviene invece da ovest, anche qui e’ necessario percorrere in senso opposto la stessa Statale; da sud le possibilità per raggiungere il lago invece sono diverse a seconda della zona.

Video