Foce Fiume Vomano

Descrizione

Foce del fiume VomanoLa foce del fiume Vomano, nel punto dove il fiume sbocca in mare, è abbastanza ampia ma poco profonda.

La zona dalla foce è di terra e ciottoli; la spiaggia circostante fino ad alcune centinaia di metri a sud è formata da sabbia e sassi, che sono presenti anche in acqua per molti metri, nelle vicinanze della foce inoltre c’e’ qualche fila di scogli ad un 120-150 metri dalla riva.

Caratteristica di questo litorale è che il fondale scende abbastanza ripido, le acque sono scure e raggiungono buone profondità gia dopo poche decine di metri.

Permessi e Licenze

Praticamente nessuno.

Specie Ittiche

All’interno della foce troviamo cavedani, cefali, carpe e anguille.

Nell’area di mare intorno ci sono nei diversi periodi dell’anno tutte le specie di pesci che girano intorno agli estuari: sono presenti spigole, mormore, ombrine, qualche orata, gli immancabili gronghi, saraghi, occhiate, lecce (a settembre).foce del fiume vomano

saragorating
anguillarating
cefalorating
carparating
cavedanorating
ombrinarating
grongorating
spigolarating
occhiatarating
mormorarating
oratarating
lecciarating

Tecniche di pesca

Silvi-foce-Vomano-1Vi ho segnalato questo itinerario, in particolare per due tecniche: lo spinning ed il surfcasting.

Lo spinning lo si può praticare sia nell’ultima zona di acqua dolce cercando i cavedani, che soprattutto nella zona di acqua salmastra o dalla riva del mare andando in cerca di spigole e lecce.

Per i cavedani, bene i classici rotanti argentati, anche i piccoli minnow da 3-4 cm; la portata d’acqua è costante ed abbondante, ma la corrente non è un’ostacolo.

Discorso diverso per la spigola: un pesce difficile e lunatico che possiamo cercare tutto l’anno con esiti imprevedibili, meglio tra novembre e gennaio perché i pesci sono più grandi; provate sia con mare calmo o meglio ancora con acqua increspata ma limpida.

L’azione di pesca parte dalla foce, ma possiamo continuare verso nord o sud anche per lunghe distanze; per esca vi consiglio twister con testa piombata di colore bianco, perla o testarossa, lunghezza sui 10-12 cm e recupero altalenante provando ad ogni profondità; se volete poi i classici minnow, di qualsiasi colorazione e qualche ondulante bianco o argentato.

Nel periodo di agosto-settembre è presente la leccia, pescabile lanciando anche a 30-40 metri dalla riva nelle prime ore di luce, usando cucchiaini argentati e piccoli ondulanti; se le condizioni sono buone, si possono fare discrete pescate.

Il surfcasting concede buone prede nei mesi di maggio e giugno, pescando in notturna capitano spesso mormore con il mare calmo.

Con il mare mosso o in scaduta in inverno si possono prendere grosse spigole con esche voluminose come cannolicchi, bibi e americani, il grongo nelle stesse condizioni abbocca in buon numero sia in inverno che in estate.surfcasting sulla foce del vomano

 

SurfCastingrating
Spinningrating

I Nostri Consigli

Se venite a pescare la spigola a spinning, la pazienza è necessaria e il cappotto è molto facile.
Per la pesca alla leccia bisogna invece rispettare il calendario e attendere il giusto momento.
Il surf è divertente in estate, in inverno può dare soddisfazioni ma non alla prima uscita.
Se pescate di notte, il posto è un po’ buio, non dimenticatevi le torce.

Dove si trova

La foce del fiume Vomano si trova fra Roseto e Scerne di Pineto.

E’ molto facile da raggiungere, basta arrivare nel comune di Scerne e raggiungere il lungomare, poi dirigiamoci verso nord, dopodiché siamo praticamente arrivati. Ci sono diversi parcheggi proprio sulla spiaggia, dove lasciare l’auto e proseguire a piedi per raggiungere il luogo di pesca più o meno vicini alla foce.