Pesca Abruzzo

Itinerari e tecniche di Pesca in Abruzzo

Fiume Vomano: Montorio al Vomano

fiume-vomano

Dove si trova

Provenendo da Roseto imboccate la strada statale Roseto-Montorio fino all’abitato stesso. La strada è sempre diritta. Per chi proviene da nord uscire al casello della a14 Teramo-Giulianova e imboccate la Teramo-mare verso monte (ovest) fino all’uscita Basciano-Val Vomano e da li proseguire sempre diritto fino all’abitato di Montorio al Vomano. Già li i locali pescano bene e molte trote,ma  per il tratto più “tortuoso” e dallo scenario splendido e selvaggio bisogna proseguire ancora 1 km verso monte sotto il ristorante “Il porcellino”. Da Roma uscire a Teramo e poi sulla Teramo mare a Basciano-Val Vomano.

Licenze e Permessi

Licenza tipo “B”

Descrizione

Questa zona del fiume Vomano è una meta piacevole e in più si incontrano scenari molto belli.

Il  corso d’acqua è largo in media sui 4-5 metri e si trova in basso fra due piccole vallate irte di alberi ed arbusti.

Il paesaggio è splendido e selvaggio nonostante comunque sia conosciuto e visitato di tanto in tanto da noi pescatori.

A questa distanza dalla foce il fiume scorre limpido e rapido con una corrente a tratti impetuosa, che scorre su un fondale di rocce e ciottoli e rallenta solo negli ampi  e profondi slarghi.

Il Vomano qui presenta un letto sassoso con numerosi e agevoli guadi, il corso d’acqua e’ percorribile verso monte o valle sia con stivali e cosciali, ma anche per alcuni tratti sulle sponde; queste in alcune zone pero’ sono coperte da una vegetazione molto intricata, (ci possono essere rovi ed erbacce) e obbligano a passare in acqua.

Specie Ittiche

La specie che ci spinge a venire fin qui e’ la trota, soprattutto Fario ma anche Iridea. Le trote vengono reimmesse annualmente, se ne vedono in genere dai  12 cm ( che è meglio ignorare ) in su, con media sui 25 cm fino a esemplari a volte anche sui 45 cm, ma queste sono molto rare.

A queste altitudini ancora non ci sono grosse tracce di cavedani e barbi.

Tecniche di Pesca

Fiume Vomano - Montorio

Qui possiamo divertirci a praticare la tecnica che piu’ preferiamo: passata, mosca, spinning, pesca al tocco con tele regolabile, sono in effetti tutte alternative valide, sempre se effettuate in maniera adatta.

Per lo spinning sono sufficienti canne corte e leggere, le lenze devono essere sottilissime, e come esca vanno bene piccoli artificiali dal far lavorare sul fondo, dal metallo alla gomma, ai piccoli minnow affondanti; molte zone sono ombrose per cui meglio esche colorate piuttosto che argentate.

Per la passata canne sui 4 metri sono sufficienti, esche lombrichi e camole e galleggianti scorrevoli per adattarci di volta in volta alle diverse profondità del fondale, anche qui montature leggerissime.

Con la tele-regolabile si possono sondare diverse zone da ogni posizione senza farsi troppo notare, e’una tecnica che rende bene.

Si può praticare la pesca a mosca, ma dovete ricercare le zone più libere dalla vegetazione, perché le sponde del corso d’acqua ospitano alti alberi e arbusti che ostacolano il lancio.

I Nostri Consigli

Innanzitutto vi esorto alla massima sportività : non andate a pesca nei momenti di divieto, e , se proprio non volete rilasciare una preda, almeno non prelevate le trotelle più piccole!!!!

Tenete sempre a mente che le trote riescono a vedere anche al di fuori dell’acqua, per cui e’ necessario ridurre al minimo la propria visibilità ed essere silenziosi negli spostamenti.

Vi ricordo di portare il minimo ingombro possibile per stancarvi meno visto che e’ d’obbligo girare da un posto all’altro, anche il guadino non e’ indispensabile.

Attenzione al freddo!

Good luck…and no kill forever!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pesca Abruzzo © 2015 Copyright © Danilo Franceschini - Via Amiterno, 40 - 00183 ROMA CF FRNDNL86L30I348Z P.IVA: 01820730677 - All Right Reserved Frontier Theme