Pesca Abruzzo

Itinerari e tecniche di Pesca in Abruzzo

Fiume Tronto ( confine Abruzzo – Marche fra Controguerra e Monsampolo del Tronto )

fiume tronto

Dove si trova

Per raggiungere il tratto del fiume che vi stiamo presentando, sia che veniate da nord o che veniate da sud dovete imboccare la superstrada Ascoli – mare nei pressi della frazione Porto D’Ascoli in località S. Benedetto del Tronto. Proseguite per circa 10 km e uscite all’indicazione di Stella di Monsampolo. Qui siamo nelle Marche; proseguiamo però in direzione Colonnella – Controguerra e appena superato il ponte sul fiume Tronto giriamo subito a destra in una strada sterrata che porta proprio lungo la sponda abruzzese del fiume.

Permessi e Licenze

Licenza di pesca tipo “B”

Descrizione

Il fiume Tronto è un importante corso d’acqua del centro Italia che scorre per 93 km, e attraversa Lazio, Marche e Abruzzo prima di sfociare a nord di Martinsicuro.

Ci troviamo a pochi chilometri dalla foce, ed in questo tratto, ampiamente percorribile sia lungo le sponde che in acqua con gli stivali, l’acqua alterna forti correnti a zone più lente; il fondale è a tratti ciottoloso o fangoso.

La profondità è variabile ma non scende mai al di sotto del metro e fa si che il pesce giri in lungo e in largo; non si trovano vere e proprie pozze, perché il fiume comunque ha una certa portata, ma ci sono zone ampie e profonde alternate a tratti di acque basse.

Specie Ittiche

I pesci presenti sono gli immancabili barbi e cavedani, poi carpe, lasche, anguille; tutte specie presenti in buon numero e con esemplari sicuramente di ottime dimensioni, anche se in genere ad abboccare sono quelli di media taglia.

Nelle zone più a monte, nell’ascolano, ai cavedani si mescolano le trote.

Tecniche di pesca

L’acqua, che scorre a tratti più o meno rapida, ci obbliga a selezionare gli slarghi dove la corrente frena e il fondo aumenta.

In questi punti la tecnica migliore da provare è la passata, magari con galleggianti non troppo leggeri per resistere meglio alle correnti, evitando i gorghi troppo impetuosi; in questo modo aspettatevi di tutto, con ogni esca naturale!

Lo spinning è divertente, in particolare nei mesi caldi, quando i cavedani più che attaccare per fame lo fanno per aggressività: buonissimi risultati con ogni tipo di artificiale, anche nelle ore centrali della giornata.

I nostri consigli

Le sponde sono un po’ sporche e piene di arbusti, in estate evitate pantaloncini corti, sandali o ciabatte.

Il panorama magari non sarà proprio dei migliori ma potrete comunque divertirvi e fare grande pesca!!

1 Comment

Add a Comment
  1. vorrei sapere come posso munirmi del segna catture per il tratto di arquata,non che il tratto no-kill sempre per arquata sono di roma grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pesca Abruzzo © 2015 Copyright © Danilo Franceschini - Via Amiterno, 40 - 00183 ROMA CF FRNDNL86L30I348Z P.IVA: 01820730677 - All Right Reserved Frontier Theme